Tel: 0464.410222   |   Via per Marco 12/e, Rovereto P.I. 02212710228 Italia

ANALISI

Dall’analisi preliminare del contesto è emersa subito una caratteristica: pur perfettamente conservato nella struttura, il Castello è giunto ai giorni nostri del tutto privo di arredi. Se al primo piano, poi, il visitatore può trovare un valido appiglio visivo negli affreschi rinascimentali, grazie ai quali immergersi nella magnificenza della corte estense, al piano terra invece, nella parte medievale, l’assenza di elementi decorativi rende necessario uno sforzo d’immaginazione troppo grande per calarsi davvero nell’atmosfera dell’epoca.

Come riuscire a trasmettere al visitatore un’immagine autentica, viva e coinvolgente, della vita nel Castello al tempo degli Estensi?

Noi ci abbiamo provato potenziando il racconto audio con un’animazione tridimensionale dinamica!

 

STRATEGIA

Oltre che al bisogno di immersività, per il Museo era fondamentale che l’animazione rispondesse soprattutto al bisogno di chiarezza: voleva un prodotto di immediata comprensione, attraverso il quale i visitatori potessero da un lato capire la complessa evoluzione architettonica del Castello e dall'altro conoscere il grande programma iconografico dei saloni affrescati del primo piano. 

Un’indicazione preziosa, che ci ha indotti ad optare per la messa a punto di animazioni tridimensionali costruite con 3D Modelling e Motion Design.  

PRODUCT DESIGN

Partendo dallo studio delle planimetrie, degli alzati, dei materiali da costruzione e della topografia del tessuto cittadino limitrofo, abbiamo creato dei modelli tridimensionali dinamici realistici, uno per ogni fase costruttiva del Castello. Il risultato della modellazione è stato animato scegliendo le inquadrature e movimenti macchina più adatti ad essere montati in un prodotto finale audiovisivo composto da voice-over, citazioni cinematografiche e una selezione di brani musicali che rievocassero il contesto storico.

 

Per il racconto del ciclo di affreschi del piano nobile, invece, abbiamo applicato tecniche di Motion Design capaci di  conferire immersività e movimento al materiale fotografico in alta risoluzione messoci a disposizione dagli archivi del Castello.

In questo modo è stato possibile non solo raccontare il programma iconografico elemento per elemento, ma anche fornire ai visitatori la possibilità unica di osservare gli affreschi in ogni loro più piccolo dettaglio, per di più liberi dai tamponamenti in carta di riso che dopo il sisma del 2012 sono stati applicati alla pellicola pittorica per evitarne il distacco.

CASTELLO ESTENSE

SETTORI

  • 3d Modelling

  • Visual Design

  • Motion Design

 

TECNOLOGIE UTILIZZATE

  • Rendering della scena

  • Animazione

  • Applicazione texture

  • Compositing